Menu Chiudi

Cartellino o Badge: stop al solo rilevamento presenze

Cartellino o Badge: stop al solo rilevamento presenze

Molte aziende davanti alla scelta: cartellino o badge decidono di abbandonare il tradizionale controllo presenze e di timbrare il badge. Tuttavia, bisogna precisare che il passaggio da uno strumento ad un altro non porta ad un cambiamento sostanziale del modo in cui gestire la propria azienda o il proprio lavoro.

Infatti, il badge aziendale rappresenta un mezzo che ha permesso sì a molte realtà di crescere, ma rilegare ad esso il solo controllo delle presenze, rischia di risultare un impiego riduttivo delle risorse economiche.

Pertanto, lo storico cartellino va sicuramente messo da parte e accolto un nuovo modo di amministrare i dipendenti, conoscendo tutte le potenzialità che offrono oggi le nuove tecnologie (non solo hardware, ma soprattutto software). I limiti del cartellino e del badge elettronico

Entrambi gli strumenti rappresentano una grande innovazione, d’altro canto sono diversi i limiti oggi possono rendere obsoleto il loro utilizzo. Il cartellino o il badge hanno bisogno di un orologio timbracartellino o di un lettore, che necessitano di costante manutenzione per evitare che si verifichino errori. Inoltre, il dipendente che lavora fuori azienda, come account commerciali o operai di cantieri sono costretti a recarsi in sede, timbrare il badge e iniziare le attività con ritardo. È, quindi, indispensabile acquisire un software che permetta al personale di marcare la presenza senza l’oggetto fisico, collegandosi ad internet da qualsiasi terminale virtuale.

Le potenzialità sono enormi tanto da poter gestire dall’anagrafica dei dipendenti sino alle note spese e migliorare sempre di più il management della propria azienda.