Menu Chiudi

La timbratura cartellino: procedimento per snellire le procedure burocratiche?

La timbratura cartellino: procedimento per snellire le procedure burocratiche?

Per risparmiare tempo e, soprattutto, denaro, è bene essere dotati di un sistema che possa essere di semplice utilizzo, economico e in grado di automatizzare gli aspetti relativi alla presenza dei dipendenti. In pratica, tutto ciò, viene ad essere svolto dalla timbratura cartellino. Anche se può sembrare anacronistico vivendo il XXI secolo, questa procedura non è affatto uno sbiadito ricordo.

Infatti, sono ancora tanti i lavoratori che, chi al suono della sirena e chi no, si sottopongono alla timbratura cartellino. È, tuttavia, da ammettere, che di base la sua funzione è sì di controllo, ma è anche una garanzia per il lavoratore, visto che con essa si possono, indiscutibilmente, andare a snellire le varie procedure burocratiche amministrative.

Difatti, la funzione primaria della timbratura cartellino, è risalente al tempo in cui, specialmente in fabbrica, tramite questa procedura si andava, da un lato, ad identificare il lavoratore e, dall’altro, era lo strumento primario con il quale l’azienda andava a remunerare il tempo di lavoro del dipendente.

Pur rispettandone il principio, la funzione e via dicendo, è, tuttavia, giusto domandarsi se, vista l’evoluzione in atto in merito al rapporto con il contratto di lavoro e le relative prestazioni, la timbratura aziendale sia accora così fondamentale.

Non a caso, in conclusione, si sta assistendo ad una sorta di epocale cambiamento ove, il marcare il cartellino, non risulta essere più così fondamentale ed essenziale, dato che alle aziende, oggi come oggi, interessa maggiormente il risultato, ovvero la performance del lavoratore.