Dispositivi stand alone BCST, efficienza e sicurezza

Un dispositivo stand alone permette il controllo accessi senza necessità di installare fili e senza particolari problemi di manutenzione, scopriamone di più.

La sicurezza e il controllo anche da remoto sono oggi elementi di grande attualità e fondamentali per ogni azienda, ente o anche per i privati, pertanto è essenziale attrezzarsi con dispositivi all’avanguardia che garantiscano sicurezza, versatilità, facilità di gestione e controllo.

I dispositivi stand alone, come detto, non richiedono cablaggi e costose manutenzioni, ma sono molto utili nella gestione e controllo accessi. Questo tipo di sistemi può essere appaiata con installazioni di chiusura innovative che possono essere gestite anche a distanza, e che permettono di avere affidabilità, flessibilità e soprattutto sicurezza.

Tra i sistemi B.C.S.T.  più interessanti da questo punto di vista ci sono gli apriporta, apricancello per controllo accessi per esterno IP66 Standalone, perfetti per porte, cancelli, varchi veicolari, tornelli e tornelli a tutta altezza, essi prevedono anche la gestione di white list con card Rfid/Mifare e/o codice PIN.

Un dispositivo stand alone molto interessante e consigliato per gli esterni è il lettore ST1-B, dotato di lettore per 3 tipologie distinte di card: EM, HID, Mifare(1K), oppure in grado d i gestire anche il codice PIN. Curato anche nel design con una tastiera retroilluminata.

Anche il lettore badge ST2-B, terminale di ultima generazione, è un dispositivo stand alone dotato di lettore card RFID, oppure con codice PIN, proprio per la capacità di resistere agli atti vandalici è molto consigliato per gli esterni.

Dispositivi stand alone BCST, efficienza e sicurezza ultima modifica: 2017-12-18T22:29:43+00:00 da admin